Avellino Serie A: il primo successo contro la Juventus

Serie A 1979-80. E’ il secondo campionato dell’Avellino nella massima serie. Dopo la sofferta salvezza della prima stagione, l’Avellino ha iniziato meglio questo campionato, e dopo 10 giornate, si trova all’ottavo posto in classifica. Inizio balbettante invece per la Juventus, che ha solamente due punti in più dei biancoverdi in classifica; proprio la “Vecchia Signora” è l’avversario dell’Avellino all’11° giornata, in programma il 2 dicembre 1979 al Partenio.

Per l’Avellino è il secondo incontro di seguito in casa, per più di contro una big: la settimana prima l’undici di Marchesi era riuscita a fermare sullo 0-0 l’Inter, che quell’anno vincerà lo scudetto. Tutto esaurito quella domenica al Partenio, che sogna l’impresa. Dopo un primo tempo in cui la Juventus fa la partita ma senza rendersi eccessivamente pericolosa, ecco la svolta al ’42: cross rasoterra di Beruatto dalla sinistra, Furino non intercetta e De Ponti, che si dirige verso il pallone, viene strattonato da Gentile: calcio di rigore.

E’ lo stesso De Ponti ad andare dal dischetto: tiro non forte che va alla destra di Zoff, che rimane fermo. Nel secondo tempo la Juventus attacca per cercare il pareggio, ma l’Avellino resiste e a fine partita sfiora anche il raddoppio con una traversa di Valente.

E’ il primo storico successo dell’Avellino contro la Juventus; i biancoverdi disputeranno un ottimo campionato fino all’esplosione dello scandalo calcioscommesse del marzo successivo, che causerà un crollo della squadra in termini di risultati, facendola scendere così dal 2° posto (a pari punti con il Milan alla 22° giornata) fino all’11° posto finale.

Avellino-Juventus 1-0, il Tabellino

Avellino: Piotti, Romano (’46 Mazzoni), Giovannone, Beruatto, Cattaneo, Di Somma, Piga, Boscolo, Massa, Valente, De Ponti

Juventus: Zoff, Cuccureddu, Gentile, Furino, Brio, Scirea, Causio, Prandelli, Bettega, Verza, Marocchino.

Arbitro: Agnolin di Bassano del Grappa

Rete: De Ponti ’42

Ecco la sintesi del match

Pubblicato da Pietro Freda

Nato negli anni mitici della Serie A..sono da sempre grande tifoso dei lupi, che seguo dal 1995, anno del mio esordio al Partenio in un Avellino-Verona 0-1. Concilio questa passione con la scrittura sul web.

Avellino-Carpi, Calabro: “Domenica servirà coraggio”

Sidigas Avellino-Umana Venezia, sfida per il secondo posto