Avellino, ora è davvero notte fonda

E’ notte fonda per l’Avellino, travolto ieri sera a Ferrara dalla Spal per 3-0. La tripletta di Antenucci ha ancora una volta messo a nudo tutte le debolezze della squadra irpina, che ha perso la quinta trasferta su sei in questa prima parte di campionato. Solo a Vicenza, contro una squadra molto debole, si è riusciti a racimolare un pareggio.

L’aspetto peggiore è che ancora una volta la squadra irpina non è scesa in campo, come era successo a Chiavari contro l’Entella, a Verona, a Perugia e a Novara. Se in questa ultima occasione la modestia degli avversari aveva consentito di uscire con un sconfitta di un solo gol, nelle altre partite il passivo è stato sempre più pesante, con gli uomini di Toscano che non solo hanno segnato fuori dal Partenio un solo gol, ma fanno fatica addirittura ad effettuare tiri nello specchio avversario.

Ieri poi Toscano ci ha messo del suo, rimettendo in discussione l’assetto difensivo che aveva tenuto nelle altre partite. Ora per i lupi domenica al Partenio arriva il Frosinone, in quella che sembra l’ennesima ultima spiaggia per il tecnico calabrese. Il campionato dell’Avellino sembra comunque un calvario, e a gennaio la società dovrà in ogni caso operare sul mercato per raddrizzare un campionato nato male e che può finire peggio.

Pubblicato da Pietro Freda

Nato negli anni mitici della Serie A..sono da sempre grande tifoso dei lupi, che seguo dal 1995, anno del mio esordio al Partenio in un Avellino-Verona 0-1. Concilio questa passione con la scrittura sul web.

Spal-Avellino 3-0, D’Angelo: “Non dobbiamo arrenderci”

Capello: “Quella sigaretta spenta in testa ad Avellino”