Avellino-Pescara, Novellino: “Settimana durissima, pensiamo alla salvezza”

Il tecnico chiede ai tifosi di stare vicino alla squadra nella partita di domani

“E’ stata una settimana durissima, ma ora pensiamo alla salvezza“. Così Walter Novellino durante la conferenza stampa di vigilia di Avellino-Pescara, importantissima gara in programma domani pomeriggio alle 17.30 allo stadio “Partenio-Lombardi”. Il tecnico è apparso provato da una settimana complicatissima, ma ha esortato tutti a guardare avanti pensando alla salvezza ancora da conquistare. Ecco la sintesi delle sue parole.

AVELLINO-PESCARA, NOVELLINO: “SETTIMANA DURISSIMA”

“E’ stata una settimana durissima, molto brutta. Abbiamo perso due battaglie, non la guerra. Per me che sono irpino fa ancora più male. Il mio comportamento verso il tifoso è stato sbagliato gli chiedo scusa perché non è stata una bella reazione, ma non vorrei essere criticato a livello personale. Anche i ragazzi volevano fare una grande partita, questo ci dare aiutare per i prossimi derby, che vanno affrontati diversamente. Ci tenevo a dire questo, perché siamo tutti consapevoli di queste due partite non giocate bene, ma ora dobbiamo pensare alla salvezza”.

NOVELLINO: TIFOSI, STATE VICINI ALLA SQUADRA

“Sono convinto che al completo possiamo dire la nostra, siamo consapevoli di queste due partite non giocate bene, ma ora dobbiamo pensare alla salvezza, dobbiamo essere uniti, perchè questa salvezza la strameritiamo. Poi a fine anno si faranno i conti, anche per Novellino, ma domani è una partita particolare, chiedo ai tifosi di aiutare la squadra”.

Torna sull’episodio di Minala: “Se fossi stato io sarei andato a prenderlo e lo avrei portato via. Forse manchiamo a livello caratteriale, perché se a Venezia in venti minuti e a Salerno giochiamo così questa non è la mia squadra”.

AVELLINO-PESCARA, NOVELLINO: “QUESTIONE DI PALLE”

Sulla partita di domani e sul Pescara: “Non dobbiamo guardare in faccia nessuno e fare punti per la classifica. Domani sarà una partita particolare, chiedo ai miei tifosi di essere uniti ed aiutare la squadra. Domani non sarà questione di tattica, ma una questione di palle, scusatemi la parolaccia”.

Su Walter Taccone: “E’ lui che mi ha portato qua, non ci scordiamo tutto quello che ha fatto. Quell’abbraccio vuol dire tutto, dobbiamo essere uniti”. Sulla salvezza: “Dovevamo salvarci ben prima, ma abbiamo avuto tantissimi problemi. Al completo nessuno ci ha mai messo sotto, ma io sono qui e combatterà fino alla fine, questa squadra la salvo”

Pubblicato da Pietro Freda

Nato negli anni mitici della Serie A..sono da sempre grande tifoso dei lupi, che seguo dal 1995, anno del mio esordio al Partenio in un Avellino-Verona 0-1. Concilio questa passione con la scrittura sul web.

Avellino Calcio, stipendi ok: incubo penalizzazione scongiurato

Avellino-Pescara, Epifani: “A caccia del risultato in una gara importante”