Avellino, Taccone: “Via Toscano? Non sono come un presidente siciliano”

“Esonerare Toscano? Non sono come un presidente siciliano”. Queste le parole del presidente dell’Avellino Walter Taccone, a “0825”, in onda su OttoChannel 696. Il presidente ha parlato del momento delicato della squadra e dell’allenatore, messo già in discussione dalla piazza a causa dei risultati negativi di inizio stagione.

Ecco il pensiero di Taccone su Toscano: “Capisco che i tifosi possano essere delusi da questo inizio di campionato, non ci sono dubbi, ma da questo a dire che l’allenatore venga messo in discussione alla quarta partita di campionato ce ne vuole. Dovrebbero avere come presidente altre persone e non Taccone. Qualcuno che sta nella Sicilia senza fare nomi (ovvio il riferimento a Zamparini, ndr) l’avrebbe già licenziato.

Quindi aggiunge: “Il calcio è fatto di alti e bassi, abbiamo fatto di tutto quest’anno per mettere a disposizione dell’allenatore una rosa di giocatori numerosa e di qualità. Questa è la nostra idea, ma naturalmente potremmo aver sbagliato con un campionato che potrebbe dire l’opposto. Ma posso dire con tranquillità che i calciatori sono stati scelti tutti all’unanimità, insieme all’allenatore”.

Quindi conclude: “L’unica eccezione, lo dico per coerenza, è stata l’acquisto di Verde che probabilmente era nelle sue idee il primo, ma in realtà abbiamo prima seguito Falco e qualche altro giocatore. Poi siamo stati fortunati e con l’amicizia di Sabatini abbia preso questo ragazzo dalla Roma”.

Leggi anche: Verona-Avellino, Toscano: “Episodi decisivi”

Pubblicato da Pietro Freda

Nato negli anni mitici della Serie A..sono da sempre grande tifoso dei lupi, che seguo dal 1995, anno del mio esordio al Partenio in un Avellino-Verona 0-1. Concilio questa passione con la scrittura sul web.

Cosa ne pensi?

0 points
Upvote Downvote

Total votes: 0

Upvotes: 0

Upvotes percentage: 0.000000%

Downvotes: 0

Downvotes percentage: 0.000000%

Avellino-Cittadella, Gavazzi e Lasik indisponibili

Avellino, Taccone: “Verde? Se non gioca c’è un motivo”