Avellino, Terracciano da secondo portiere a uomo chiave dei Lupi

L’Avellino che sta diventando una delle protagoniste della serie cadetta, vanta in rosa una lunga serie di elementi che nel giro di qualche anno potremmo concretamente vedere in massima serie: oltre ai “soliti” nomi di Armando Izzo, Davide Zappacosta, Luca Bittante, si aggiunge anche quello di Pietro Terracciano, elemento che talvolta viene dimenticato ma che in questa parte di stagione è stato fondamentale.

pietro terracciano portiere

Anche contro il Bari parate importanti per il giovane giunto in prestito dal Catania: per Terracciano al momento si parla di posto da titolare, senza alcun tipo di problema considerando le parate, talvolta prodigiose, compiute. E dire che nel mercato estivo fu preso come elemento da affiancare a Seculin, che sarebbe dovuto essere il numero uno dei biancoverdi: a causa dell’infortunio accusato dall’ex Juve Stabia prima della partita col Latina però si è aperta la scena per l’ex Milazzo.

Per ora nessuno potrebbe pensare che Rastelli decida di accantonarlo, considerando l’ottimo stato di forma, ma certo questo sottolinea come anche nel reparto portieri i Lupi abbiano operato alla grande, con due elementi giovani e dal sicuro avvenire.

Leggi anche -> Siena-Avellino, parla Morero: “Ecco perchè l’Avellino è pericoloso”

Leggi anche -> Avellino, l’ex Maglione: “Arini mi ricorda sempre più…”

Leggi anche -> Crotone-Reggina 2-0: video gol e highlights del match

Cosa ne pensi?

0 points
Upvote Downvote

Total votes: 0

Upvotes: 0

Upvotes percentage: 0.000000%

Downvotes: 0

Downvotes percentage: 0.000000%

Un Commento

Leave a Reply
  1. facciamo i debiti scongiuri,anche per me Terracciano e’ un’ottima sorpresa e speriamo che duri (non dimentichiamo che tutti dicevano che Balotelli aveva segnato 23 rigori consecutivi e…..poi il 24 ha sbagliato).I complimenti teniamoceli per noi,forza grande Avellino.

Lascia un commento

Siena-Avellino, parla Morero: “Battere gli irpini per dimenticare Cesena”

beretta siena

Siena-Avellino: il focus sui toscani, avversari dei lupi