Avellino Calcio, vincere per riscattare (in parte) l’umiliazione dell’andata

Il derby perso all’andata contro la Salernitana brucia ancora per l’Avellino

Il parapiglia al fischio finale

Si avvicina sempre di più il derby Salernitana-Avellino. Negli occhi dei tifosi è ancora la viva la partita di andata, quando in vantaggio di due reti, la squadra di Novellino si fece clamorosamente rimontare e battere dai granata, che firmarono il sorpasso con un gol di Minala al ’96.

Quella partita ha cambiato il corso della stagione dell’Avellino, che vincendo sarebbe andato in testa alla classifica. Da quel momento è invece iniziato una crisi durata praticamente due mesi, da cui la squadra solamente ora sembra cominciare a uscirne, seppure la salvezza è ancora tutta da conquistare.

Le due squadre sono attualmente appaiate a quota 34 in classifica, anche se l’Avellino ha una partita in meno. La sensazione è che la squadra biancoverde al completo sia più forte dei granata, ma la Salernitana gioca in casa e l‘Arechi è sempre stata una bolgia nei derby. L’impresa, quindi, appare difficile ma non impossibile, perché la Salernitana ha vinto solo una delle ultime delle ultime sette partite.

Certo, neanche una vittoria eventuale potrebbe cancellare la partita dell’andata, che rimarrà un’umiliazione e un’onta vergognosa nella storia ultracentenaria dell’Avellino. Ma vincere significherebbe un riscatto almeno parziale, soprattutto per i tifosi, molti dei quali non hanno mai visto un successo dell’Avellino a Salerno, poiché l’ultimo risale al 1973

Pubblicato da Pietro Freda

Nato negli anni mitici della Serie A..sono da sempre grande tifoso dei lupi, che seguo dal 1995, anno del mio esordio al Partenio in un Avellino-Verona 0-1. Concilio questa passione con la scrittura sul web.

Salernitana-Avellino, biglietti settore ospiti esauriti

Recupero Avellino-Bari, Pasquetta data probabile