Calciomercato Pescara 2013/2014: Bjarnason e Cascione in partenza

Si prospetta una stagione dura per il Pescara, appena retrocesso in Serie B, che ripartirà da mister Pasquale Marino per cercare di ottenere una pronta risalita nella massima serie. Trattenere i giocatori protagonisti della stagione scorsa non è facile, e dopo le partenze del gioiellino colombiano Quintero in direzione Porto e di Romulo Togni verso l’Irpinia, anche per Birkir Bjarnason ed Emmanuel Cascione l’avventura in Abruzzo sta per terminare.

Il centrocampista islandese non ha intenzione di giocare in serie cadetta e sembra essere vicino al trasferimento al Verona di Mandorlini, in prestito con diritto di riscatto; potrebbero inoltre arrivare offerte anche dall’estero dove il giocatore ha molti estimatori.

tifosi pescara

Per Cascione, invece, si è fatto sotto nelle ultime ore il Varese. Il centrocampista in precedenza aveva avuto dei contatti con il Parma, poteva infatti rientrare come contropartita tecnica nella trattativa per Gianluca Musacci, ma l’allenatore degli emiliani Donadoni non ha dato il suo assenso.

Cascione dunque sta prendendo tempo per valutare tutte le chance che gli si offrono, vorrebbe trovare una sistemazione in Serie A e molto probabilmente non vestirà la casacca biancazzurra la prossima stagione.

Cosa ne pensi?

0 points
Upvote Downvote

Total votes: 0

Upvotes: 0

Upvotes percentage: 0.000000%

Downvotes: 0

Downvotes percentage: 0.000000%

2 Commenti

Leave a Reply
  1. Per la serie, come “rovesciare” i termini di una situazione!..
    Quando si scrivono dei pezzi su argomenti specifici (ad esempio sportivi) occorre che ci si documenti!!!..
    Si dà il caso che il Pescara, sebbene retrocesso (dalla massima serie!), non sia sceso in B per rimanerci o per salvarsi, bensì per cercare di tornare in A!!!..
    E che sia così lo dimostra il fatto che:
    1) ha scelto un vincente (esperto di B e di A) come Pasquale Marino;
    2) ha condotto una campagna di rafforzamento (ha praticamente due squadre titolari come si trattasse di un club che debba disputare un doppio campionato – vedi Champions!);
    3) non solo ha tenuto gli elementi che voleva tenersi (di qui le cessioni e le vendite per realizzare le plusvalenze necessarie a condurre una campagna acquisti valida, vedi Quintero chiaramente non adatto ai nostri campionati, compresa la B), ma ha provveduto a dare al tecnico quello che il tecnico chiedeva.
    4) ha portato a Pescara calciatori di primissimo piano come Cutolo, Mascara, Politano, Fornito, Schiavi, Zuparic ecc.
    5) ha mantenuto pezzi pregiati come Pelizzoli (un lusso per la B!), Balzano, Capuano (lo vogliono tutti!), Nielsen (due campionati vinti, il primo con il Pescara che ne detiene il cartellino, il secondo con il Verona l’anno scorso!), Rizzo, Sforzini(!!), Vukusic, Ragusa..Maniero(!!4gol già tra Tim Cup e Campionato, doppietta alla prima!)..A proposito, Romulo Eugenio Togni (grande uomo e ottimo professionista!) non è stato acquistato dall’Avellino, ma è stato ceduto dal Pescara..(intelligentibus pauca!)..personalmente non ho condiviso la decisione..
    6) ha iniziato con i fuochi d’artificio, battendo sonoramente la Juve Stabia, perfino oltre il 3-0 finale (ha mancato almeno altre 3 reti!)..
    7) è accreditata dagli esperti come favorita per la vittoria finale..
    Che dire ancora??.. Se la “stagione dura” di cui parla l’articolista è questa, beh, ben vengano le stagioni dure!!!..
    Grazie per l’attenzione.
    T.S.

  2. ..dimenticavo..tra i pezzi pregiati che ha mantenuto c’è anche Birkir Bjarnason!!!.. checchè ne dica l’articolista o quanti stanno cercando di accreditare una verità…falsa!!!..
    Birkir ha chiaramente detto che tra andare in un club che lotta per non retrocedere in A o comunque mediocre e rimanere in un grande progetto quale quello che il Pescara sta varando preferisce la seconda ipotesi!!!..oltretutto ormai è legatissimo alla città e ai tifosi!!!..

One Ping

  1. Pingback:

Lascia un commento

Coppa Italia, domenica c’è Avellino-Monza: disastroso l’ultimo precedente al Partenio

Primavera Avellino, si parte: primo allenamento agli ordini di Aloisi