Diritti Serie B 2018-2021: Orari delle partite rivoluzionati?

La Lega di Serie B starebbe pensando di spalmare su più orari le partite

Novità per quanto riguarda la Serie B 2018-2021. Nei giorni scorsi infatti, la Lega ha presentato il bando per l’acquisto dei diritti televisivi per il prossimo triennio, appunto quello che va dal 2018 al 2021. La novità è che la base d’asta è stata notevolmente alzata rispetto al 2015-2018: la Lega punta a incassare complessivamente 181,5 milioni di euro (in linea con le altre leghe europee), contro i 64,5 di questo triennio.

Come fare per convincere le emittenti (Sky, Mediaset o la spagnola Media Pro) ad sborsare tale cifre? L’idea è quella, seguendo la falsariga della Serie A, di spalmare ulteriormente gli orari delle partite. Non più quindi, un anticipo al venerdì sera, un posticipo la domenica alle 17.30 e uno il lunedì sera, ma gare a partire dalle 18.00 del venerdì. Il sabato invece la prima partita sarebbe già alle 14.00, e la domenica un anticipo alle 12.00 o alle 12.30, con un altro paio di gare il lunedì.

Al momento sono ipotesi, ma la strada sembra questa. Tutto sarà più chiaro quando saranno aggiudicati i diritti della Serie A, che in ogni caso vedrà solo tre partite la domenica pomeriggio. Quest’aspetto potrebbe anche tracciare una strada per certi versi opposta, e cioè quello del ritorno, almeno di un blocco di partite di B, proprio alla domenica pomeriggio, per la gioia dei nostalgici.

Insomma, più di una ipotesi, ma quello che sembra certo, è che il format dei prossimi tre anni non sarà più quello dell’ultimo triennio, così come non è detto che sia Sky ad acquisire i diritti del campionato cadetto.

Palermo-Avellino, l’arbitro è Giua di Olbia (Serie B 2017-18)

Europe Cup: Sidigas Avellino-Reyer Venezia in finale