Diritti Tv Serie B 2018-2021, nulla di fatto. Sky si tira fuori?

Nessuna offerta per la base d’asta proposta dalla Lega. Ora trattativa privata

Nulla di fatto per i diritti Tv di Serie B 2018-2021. Nella giornata di ieri, la Lega ha diramato un comunicato in cui si afferma sostanzialmente, che nessun soggetto ha presentato l’offerta minima fissata per la base d’asta (181 milioni di euro per i prossimi tre anni), e quindi ora si continuerà con la trattativa privata.

Principalmente, è venuto meno il ruolo di Sky, che per questo triennio (2015-2018) ha pagato sui 60 milioni di euro (un prezzo quindi molto minore). L’emittente di Murdoch si è probabilmente tirata fuori dai giochi, avendo acquistato per i prossimi tre anni i diritti della nuova Champions League (con quattro squadre italiane direttamente ai gironi) e dell’Europa League. Resta in corsa a questo punto Mediaset Premium, che invece ha puntato solamente sui Mondiali 2018 (a prezzo di saldo, considerata l’assenza dell’Italia).

Se anche la trattativa con Mediaset dovesse andare male, nascerebbe un problema non poco per le società di Serie B, che come quelle di A, dipendono non poco dagli introiti dei diritti televisivi.

In ogni caso, come riferito nel comunicato diffuso dalla Lega, se ne saprà di più già la prossima settimana, poiché i soggetti interessati a partecipare alle trattative dovranno darne comunicazione entro le ore 19.00 del 14 maggio 2018.

Jason Rich MVP della Serie A Basket 2017-18

Avellino-Spezia, Curva Sud e Tribuna Terminio esaurite