Final Eight Firenze 2018, l’analisi delle quattro sfide

Con il termine del girone d’andata, chiusosi con la Sidigas Scandone Avellino campione d’Inverno, sono stati decretati anche gli accoppiamenti per le Final Eight che si terranno al Mandela Forum di Firenze dal 15 al 18 febbraio.

In una competizione come questa i valori si annullano, per cui tutte le squadre dovranno impegnarsi al massimo per cercare di primeggiare.

Andiamo ad Analizzare le sfide dei quarti.

PARTE SINISTRA DEL TABELLONE

1 Sidigas Avellino – 8 Vanoli Cremona: Da una parte la tattica organizzata alla perfezione da coach Pino Sacripanti, dall’altra la libertà da vincoli schematici di coach Meo Sacchetti, per quella che si presenta come una sfida tra due culture cestistiche abbastanza diverse. La Scandone vuole confermarsi grande ritornando ad alzare un trofeo, la Vanoli gioca con la spensieratezza di chi non ha nulla da perdere. I lupi possono contare nel complesso su di un roster di caratura maggiore, le aquile potranno affidarsi all’imprevidibilità di Johnson Odom. Vediamo la Sidigas favorita, ma per vincere dovrà penare.

4 Umana Reyer Venezia – 5 Fiat Torino: La sfida tra i gondolieri ed i molani è forse la partita enigmatica di tutti i quarti, con i primi che talvolta riescono a vincere anche quando giocano male, mentre i secondi che alternano grandi partite con entusiasmanti vittorie a rovinosi tonfi. Da una parte la solidità di Venezia dall’altro l’estro di Torino. Vediamo la Reyer vincente in una sfida poco divertente, al contrario invece, vediamo la Fiat prevalere se la partita sarà godibile. Dopo le inaspettate dimissioni di coach Luca Banchi, le cose però per Torino potrebbero andare in modo completamente diverso.

PARTE DESTRA DEL TABELLONE

2 Germani Brescia – 7 Segafredo Bologna: Da una parte  le individualità al servizio della collettività della Leonessa, dall’altra gli egoismi tecnici della Virtus. Alla lunga vediamo sicuramente i lombardi favoriti, ma essendo una partita singola, non è detto che gli egoismi degli emiliani (i quali va detto, sono di ottima qualità) non portino alla vittoria dei bianconeri. Prevediamo una partita che si deciderà solo negli istanti finali.

3 EA7 Emporio Armani Milano – 6 Red October Cantù: Derby lombardo tra due squadre completamente diverse tra di loro; da un lato la grande favorita la lunga e poco vogliosa Olimpia, la quale per gli appassionati di basket è sicuramente la squadra meno entusiasmante da vedere, dall’altra la corta e vogliosa Cantù, di cui cestisti lottano nonostante una proprietà assente e per tale motivo non possono che essere apprezzati.

I meneghini sono costretti a vincere, i brianzoli invece sognano di farlo, per cui a nostro avviso se la partita sarà punto a punto, alla fine i biancoblu sarebbero coloro con più possibilità di vincerla.

Calciomercato Serie B, Notizie e Trattative del 15 gennaio 2018

De Risio, visite mediche ok: a breve la firma con l’Avellino