Juventus Utena-Sidigas Avellino 77-77, pagelle: Wells cerca di condurre la squadra alla vittoria

Una buona Scandone viene fermata sul pareggio da un pessimo arbitraggio

Una buona, anzi buonissima Sidigas Scandone Avellino, esce indenne dall’andata dei Quarti di Finale di Fiba Europe Cup, riuscendo a pareggiare contro i padroni di casa della Juventus Utena col punteggio di 77 a 77. I lupi avrebbero certamente meritato la vittoria, ma un pessimo arbitraggio (raramente ci è capitato di assistere un arbitraggio talmente a senso unico), ha negato alla Sidigas di conquistare il più positivo dei risultati.

Ecco di seguito le pagelle ai cestisti della Scandone.

Ariel Filloy 5.5: Poco incisivo ma ci è piaciuto per l’impegno che ha mostrato.

Lorenzo D’Ercole 6-Alcune buone difese, ma in attacco potrebbe fare di più.

Jason Rich 6.5: Meno uomo solo al comando del solito, il nervosismo causato dagli arbitri gli impedisce di fare di più.

Maarten Leunen 8: Gioca per la squadra e lo fa in modo sublime.

Kyrylo Fesenko 8+: Devastante. Gli avversari non riescono a fermarlo in maniera legale, per cui per farlo ricorrono al fallo, falli che spesso inspiegabilmente la terna non fischia.

Bruno Fitipaldo 7: Appena è stato sgravato dalle responsabilità ha iniziato ad essere un buonissimo giocatore.

Dzmine Wells 8.5: Con le sue giocate e le sue accelerazioni mette in crisi gli avversari.

Thomas Scrubb 7.5: Un noto modo di dire recita: “È bello e bravo”, cestisticamente potremmo trasformare ciò in: “È forte ed utile”.

Andrea Zerini 5.5: Non di certo una prestazione da ricordare la sua, ma alcune buone difese ci fanno mettere mezzo voto in più.

Shane Lawal 4.5: Non al meglio riesce a dare ben poco, ma la sua voglia ci ha fatti non essere troppo cattivi col voto.

Pubblicato da Raffaele Ciriello

Nato il 2 maggio 1987 ha conosciuto questo sito giornalistico grazie ad un suo carissimo amico (anche lui collaboratore del sito).

Ama definirsi: "Destista"

Juventus Utena-Sidigas Avellino 77-77, Sacripanti: “Ci giochiamo tutto al ritorno”

San Pio da Pietralcina e il suo legame indissolubile con Montefusco e l’Irpinia