Mercato Avellino 2017-18: svolta italiana

Il mercato dell’Avellino 2017-18 non è ancora concluso, con la società che è al lavoro per acquistare Morosini e Marchizza, le cui ufficializzazioni potrebbero arrivare nel giro di qualche giorno. Un dato rilevante di questo mercato però, si può già intuire: e cioè la “svolta italiana” rispetto allo scorso anno.

Nella tornata di mercato della scorsa estate infatti, arrivano tanti stranieri: Lasik, Bidaouoi Asmah, Radunovic, Djimsiti, Diallo, Camarà, Omeonga e Donkor, tanto che l’Avellino 2016-17 fu quello più “straniero” in assoluto, con ben dieci elementi non italiani.

Quest’anno invece c’è stata una netta inversione di tendenza. Dei nuovi acquisti, gli stranieri sono quattro: Ngawa, Kresic, Radu e Asencio, che si aggiungono ai già presenti Lasik, Bidaouoi, Soumarè e Camara, per un totale di otto in rosa. Molti di più invece gli acquisti di giocatori italiani: Suagher, Lezzerini, Molina, Falasco, Pecorini, Di Tacchio, Arciello e Rizzato, oltre a Laverone che è stato riscattato dalla Salernitana.

A questi potrebbe presto aggiungersi i due già citati Marchizza e Morosini, mentre sul piede di partenza ci sono Camarà e Soumarè, con la rosa che quindi potrebbe diventare ancora più italiana. Possibile che a determinare la svolta “italiana” abbia contribuito anche mister Novellino, poco avvezzo alle scommesse e più incline ai giocatori esperti, magari italiani, che hanno già calcato i campi della Serie B.

Pubblicato da Pietro Freda

Nato negli anni mitici della Serie A..sono da sempre grande tifoso dei lupi, che seguo dal 1995, anno del mio esordio al Partenio in un Avellino-Verona 0-1. Concilio questa passione con la scrittura sul web.

Calciomercato Serie B, Notizie e Trattative del 17 agosto 2017

Mercato Avellino, dal Genoa arriva anche Brivio?