Money Gate, Taccone: “Certo che sarebbe andata così”

Ai microfoni di Tutto Mercato Web, il numero uno dei biancoverdi Walter Taccone ha commentato così l’esito della sentenza per il Money Gate per Catanzaro-Avellino, dove il club irpino e quello calabrese sono stati entrambi prosciolti.

Queste sono state le sue parole dopo la sentenza emessa dalla FIGC (Federazione Italiana Giuoco Calcio): “Sono soddisfatto e contento di come son andate le cose. Ero certo che sarebbe finita in questo modo. L’ho detto sempre fin dall’inizio che questa storia non aveva una base. Non c’erano ne prove e ne indizi.

Sono felice anche per il Catanzaro perchè anche loro non avevano fatto nulla. Sono grandi città entrambe dal passato glorioso e non meritavano di essere sporcate da una vicenda simile. Non per usare parole forti ma è un peccato per la Giustizia Sportiva perchè ne uscirà ridimensionata.

Ero e sono tranquillo in questo momento. Prima dell’udienza ho incontrato il presidente Mastrocola ed ero sereno e convinto che a giudicare fossero persone capaci. Ho trasmesso anche molta serenità alla squadra, anche se, in fondo, ero un po’ preoccupato dello spettro della retrocessione. Ora saranno molto più tranquilli. Ora mi aspetto una grande partita a La Spezia. Ce la possiamo giocare al massimo delle nostre possibilità ma abbiamo ancora molti giocatori infortunati“.

Anche il ds del club, ovvero Enzo De Vito, ha commentato la sentenza di stamane: “La fine di un incubo, come una rinascita“. Soddisfatto anche il legale del club irpino, ovvero Eduardo Chiacchio: “Ora un possibile appello della Procura Federale non ci spaventa“.

Pubblicato da Alfonso Parisi

Nato nel giugno del 1990 a Bisaccia residente a Mercogliano, sin da bambino grande tifoso dell'Avellino e appassionato di calcio.

Money Gate, De Vito: “La fine di un incubo”

Spezia-Avellino, l’arbitro è Balice di Termoli