Morto Bersellini, ultimo allenatore dell’Avellino in Serie A

E’ morto oggi a Prato all’età di 81 anni Eugenio Bersellini, allenatore dell’Avellino nella stagione 1987-88, ultima della squadra biancoverde in Serie A. Prese il posto di Vinicio nell’ottobre 1987, dopo la 5° giornata, in seguito alla sconfitta in trasferta contro la Fiorentina per 2-1, ma nonostante un ottimo girone di ritorno, non riuscì nell’impresa di salvare l’Avellino che retrocesse per un solo punto in Serie B.

Bersellini

Era soprannominato “Sergente di ferro” per i suoi metodi di allenamento particolarmente duri. Tra le sue varie esperienze in Serie A, ci sono Cesena, dove esordì come allenatore, e poi Sampdoria, Inter, Torino, ancora Sampdoria, Fiorentina, Avellino e Ascoli, mentre gli ultimi anni li ha trascorsi in panchine di Serie B e C.

Con l’Inter vinse lo scudetto nella stagione 1979-80, oltre a due Coppe Italia. Ed infatti la squadra nerazzurra ha voluto ricordarlo con un messaggio sul sito ufficiale: “FC Internazionale piange la scomparsa di Eugenio Bersellini, che guidò i nerazzurri per cinque stagioni, dal 1977 al 1982, conquistando due volte la Coppa Italia e lo Scudetto 1979/80. Alla famiglia vanno il pensiero e l’affetto di tutto il Club e dei tifosi nerazzurri”.

Commosso anche il ricordo di Alessandro Altobelli, centravanti di quell’Inter, come riportato sulla “Gazzetta dello Sport“: “Fu lui, appena arrivato all’Inter, a volermi in nerazzurro e lì mi fece crescere e diventare, grazie ai suoi allenamenti e al suo metodo, tutto quello che sono stato”, spiega.

Pubblicato da Pietro Freda

Nato negli anni mitici della Serie A..sono da sempre grande tifoso dei lupi, che seguo dal 1995, anno del mio esordio al Partenio in un Avellino-Verona 0-1. Concilio questa passione con la scrittura sul web.

Avellino-Venezia: lagunari ancora senza reti subite

Avellino-Venezia, i convocati di Novellino