Avellino, squadra spenta e abulica: anche Novellino sotto accusa

Avellino nella bufera dopo la sconfitta di Parma. Al Tardini si è certo perso contro una squadra di tasso tecnico superiore, ma la squadra biancoverde, spenta ed abulica, ha disputato la sua peggiore prestazione stagionale. L’Avellino, andato subito sotto, non ha praticamente mai tirato in porta, affidandosi solo ai lanci lunghi.

Se è vero che sono i giocatori a scendere in campo, al centro della bufera c’è soprattutto l’allenatore, su cui pendono tanti capi d’accusa. Ha lasciato stupiti la scelta di Marchizza terzino (anche se il giovane scuola Roma, centrale puro, non è stato tra i peggiori); ha lasciato perplessità anche Migliorini in panchina, dopo che la società aveva ottenuto la riduzione della squalifica. E infine, vale la pena schierare sempre Ardemagni. anche se palesemente fuori forma?

Il post partita è stato ancora più bollente. Subito dopo la fine del match, Novellino a Radio Punto Nuovo ha accusato direttamente Kresic per il secondo gol, affermando come questa rete gli avesse dato molto fastidio, poiché mancava un minuto e la partita avrebbe potuto ancora essere recuperata.

In una seconda intervista, con tutta la stampa e i media locali, pur assumendosi la responsabilità per la sconfitta, non ha esitato a chiamare in causa anche i calciatori. Il tecnico ha anche ammesso candidamente come dopo lo sciagurato derby perso sia cambiato tutto, con la squadra, i tifosi e la società.

Nel mezzo delle due interviste di Novellino, le parole di fuoco di D’Angelo, sempre a Radio Punto Nuovo, il quale ha affermato senza mezzi termini, di avere le scatole piene di tutte queste sconfitte (in realtà ha usato un altro termine). Attacco indiretto, ma non troppo a Novellino? Di certo le parole del capitano non sono stati banali come spesso avviene nelle interviste post-partita, il che farebbe intravedere una scollatura tra tecnico e squadra.

Tra tutte le affermazioni, ci sentiamo di condividere quella per cui il derby ha cambiato tutto. La sconfitta è stata troppo assurda per non lasciare strascichi nell’ambiente e nella squadra. Ovviamente indietro non si può tornare, ma se ci fosse bisogno di un chiarimento nello spogliatoio tra squadra e allenatore, o di prendere qualsiasi altro provvedimento, la società dovrà prendersi le proprie responsabilità, per non compromettere una stagione nata bene ma che rischia di finire malissimo.

Pubblicato da Pietro Freda

Nato negli anni mitici della Serie A..sono da sempre grande tifoso dei lupi, che seguo dal 1995, anno del mio esordio al Partenio in un Avellino-Verona 0-1. Concilio questa passione con la scrittura sul web.

Parma-Avellino 2-0, Novellino: “Il derby ha cambiato tutto”

Highlights Parma-Avellino 2-0: Video Gol e Sintesi