Avellino, si riprende a porte chiuse

Riprendere a porte chiuse la settimana di allenamenti dell‘Avellino, dopo il pomeriggio da horror vissuto contro la Salernitana. Inizialmente si era optato per le porte aperte, ma poi la società, prevedendo qualche possibile contestazione, ha deciso per le porte chiuse, con l’allenamento inizierà alle ore 15.00.

Sarà una settimana lunghissima quella dell’Avellino. Il derby è andato nel peggiore dei modi, e non sarà facile ripartire. Contro la Salernitana, tra l’altro l’Avellino è incappato nella seconda sconfitta consecutiva, dopo quella con il Bari. La difesa biancoverde continua a essere un colabrodo: 17 reti incassate ne fanno la quart’ultima del campionato: peggio solo Cesena (18), Ternana (19) e Foggia (21).

Nel prossimo turno i biancoverdi andranno a far visita a una vecchia conoscenza dell’Avellino, Zdenek Zeman, attuale allenatore del Pescara. Gli abruzzesi sono attualmente all’ottavo posto a 13 punti, in compagnia di Cremonese, Perugia, Bari, Cittadella, Novara e dello stesso Avellino. Una classifica dunque cortissima, che avrebbe visto i lupi primi se avessero battuto la Salernitana.

Il derby però è andato, e dovrà essere archiviato in fretta per non rischiare di compromettere una stagione che era iniziata davvero bene. Da ottobre invece è girato tutto storto; prima l’inchiesta Money Gate, poi le due sconfitte con Bari e Salernitana. Ora c’è da rialzare la testa, anche se non sarà facile.

Pubblicato da Pietro Freda

Nato negli anni mitici della Serie A..sono da sempre grande tifoso dei lupi, che seguo dal 1995, anno del mio esordio al Partenio in un Avellino-Verona 0-1. Concilio questa passione con la scrittura sul web.

Avellino, derby da incubo: per i tifosi umiliazione senza precedenti

Avellino, squadra senza equilibrio: migliore attacco e difesa colabrodo