Avellino vergognoso e indegno, la salvezza è a rischio

A Salerno una prova sconcertante della squadra, per la salvezza ci sarà da sudare

Il secondo gol di Sprocati in Salernitana-Avellino

Altro che riscatto. Un Avellino vergognoso perde anche il derby del ritorno, nel peggiore modo possibile, senza neanche scendere in campo. Un 2-0 secco, che non ammette repliche e fa ripiombare nella crisi la squadra di Novellino, apparsa ancora una volta spenta e senza idee, e che dovrà lottare fino alla fine per salvarsi

La Salernitana è in vantaggio di due reti già dopo 18 minuti, e la partita finisce in quel momento. Mai infatti l’Avellino da la sensazione di poter ribaltare la gara. Il primo tiro verso la porta arriva solo a fine primo con un colpo di testa di Ardemagni. Poi un tiro nella ripresa di Gavazzi e nient’altro, con la Salernitana che sbaglia il rigore del possibile 3-0 con Zito.

Questa la prova di una squadra che avrebbe dovuto, almeno in teoria, riscattare l’umiliante sconfitta dell’andata. E invece il nulla più totale, con i 2.000 tifosi arrivati a Salerno che a fine partita rifiutano, giustamente, di ricevere la squadra sotto il settore da loro occupato. Troppa l’amarezza, non solo per il secondo derby perso in stagione, ma soprattutto per la prova sconcertante della squadra.

Come si è potuto arrivare a questo punto? Il calcio è uno sport di squadra, e dunque la colpa è da suddividere tra società, allenatore e calciatori. Tante sarebbero le cose da scrivere, ma in questo momento, l’unica cosa che conta per l’Avellino è salvare la categoria. Nonostante Novellino dica puntualmente che questa squadra si salverà senza problemi, a parere di chi scrive ciò non è assolutamente scontato.

AVELLINO CALCIO: SALVEZZA A RISCHIO

Fermo restando che la classifica va prese con le molle perché falsata dalle tante partite rinviate, compresa Avellino-Bari, se la salvezza è a quota 50, alla squadra mancano ancora 16 punti per raggiungere l’obiettivo. Tranne quello contro il Pescara, l’Avellino giocherà i restanti scontri diretti (Pro Vercelli, Entella, Ascoli e Ternana) fuori casa, dove si è vinto solo due volte.

Al Partenio invece arriveranno, tra le altre, squadre di alta classifica, come Parma, Bari, Frosinone e Perugia. Per una squadra allo sbando come l’Avellino, nessuna partita si prospetta semplice. Non ci resta dunque che pregare, e (personalmente) sperare che una volta raggiunta la salvezza, vadano via tutti, dal primo all’ultimo. Avellino non merita questo.

Sidigas Avellino-Happy Casa Brindisi 89-71 Risultato Finale

Avellino-Brindisi 89-71, Sacripanti: “Vittoria che avvicina i tifosi alla squadra”