Scandone Avellino e Reyer Venezia: due pesi e due misure

Dopo quanto accaduto tra Venezia e Tento non possiamo non ritornare a gara 1 dei quarti

In questa decisione sottostante possiamo notare la differenza di trattamento tra la Scandone Avellino e la Reyer Venezia.
Il Giudice Sportivo Nazionale, letto il rapporto redatto dal Sostituto Procuratore Federale, rilevato quanto ivi descritto in ordine al comportamento di un tifoso di Venezia che alla fine del secondo quarto mentre il Presidente di Trento, Sig. Longhi, rilasciava un’intervista lo tratteneva per il collo e le spalle per qualche istante;
sanziona la società Reyer Venezia con una giornata di squalifica del campo di gioco, con sostituzione con ammenda di € 12.000,00.

Alla Scandone solo per il lancio di una bottiglietta ed di una moneta (che colpirono il 2′ ed il 3 arbitro), fatti si gravi ma molto meno gravi del tentare di strozzare una persona, squalificarono il campo per ben 2 giornate, pena abnorme se si considera la mano molto leggera avuta nei confronti della Reyer.

Qui le cose sono due o è stata troppo severa la pena data ad Avellino o è stata troppo leggera quella data a Venezia.

Le tre possibili motivazioni per questa differenza di trattamento

  1. L’Umana Reyer Venezia è una società che ha un grande potere nel panorama cestistico italiano.
  2. La Sidigas Scandone Avellino è una società che non ha nessun potere (o se ne ha ne ha pochissimo) nel panorama cestistico italiano.
  3. Ai tesserati avversari puoi fare qualunque cosa, l’importante è che non tocchi gli arbitri.

A prescindere da quale di queste tre motivazioni sia quella esatta, noi siamo allibiti.

Avellino Calcio, interessa Fazio del Trapani

Avellino Calcio, piacciono due giocatori del Genoa