Scandone Avellino, l’infortunio di Fitipaldo riapre le porte a Marques Green?

A causa della frattura della capsula articolare del pollice della mano destra Bruno Fitipaldo dovrà restare lontano dai campi di gioco per almeno 40 giorni, un tempo lungo per non pensare nemmeno di intervenire sul mercato.

Ovviamente siamo umanamente dispiaciuti per Bruno, possiamo solo immaginare come ora si stia sentendo, ma al di là del lato umano va fatto un discorso meno sentimentale e più distaccato, per cui riteniamo che (forse suo malgrado) la Sidigas non può esimersi dal ritornare sul mercato alla ricerca di un altro playmaker.

Chi potrebbe essere questo playmaker? Vogliamo fare un ipotesi suggestiva e per molti versi anche romantica, l’ennesimo ritorno di Marques Green, un ritorno che sarebbe sicuramente molto gradito ai sui ex compagni di squadra che ancora indossano la canotta della Scandone.

La mente ci fa tornare a due stagioni fa, quando proprio a novembre e proprio prima della sfida contro Varese (prossima avversaria dei lupi in campionato), Marques fece (per ora) il suo ultimo ritorno ad Avellino. Ritornò al posto dell’infortunato Tauren Green (il quale rischiò di perdere un occhio), lo fece con un contratto a gettone, contratto che grazie alle sue sublimi prestazioni gli fu prima prolungato per tutta la durata del campionato e poi rinnovato anche per quello successivo.

Marques Green fece completamente svoltare la stagione dei lupi, i quali da squadra si volonterosa ma con grossi limiti in cabina di regia, diventarono una squadra se non perfetta quasi, difatti con l’arrivo del Folletto MagicoRiccardo Cervi si trasformò completamente e da giocatore abulico diventò uno dei migliori Centri del campionato.

Quell’anno poco dopo di Marques, a causa dell’infortunio alla spalla di Jānis Blūms arrivò anche Joe Ragland. Il buon Joe all’inizio era si dotato di grandi qualità, ma spesso sul parquet sbagliava le scelte da fare; poi allenandosi al fianco di Marques Green ed ascoltando i suoi sapienti consigli è diventato lo straordinario campione che è oggi.

Il nostro cuore è triste per Bruno ma speranzoso per il ritorno di Marques.

 

Pubblicato da Raffaele Ciriello

Nato il 2 maggio 1987 ha conosciuto questo sito giornalistico grazie ad un suo carissimo amico (anche lui collaboratore del sito).

Ama definirsi: "Destista"

Scandone lungo stop per Bruno Fitipaldo. Intanto stasera c’é il Cez Nymburk

Avellino-Entella, ripresa degli allenamenti: differenziato per Pecorini