Scandone Avellino non tutte le sconfitte sono uguali

Per ora la Sidigas sta disputando un pessimo girone di ritorno

Che in questo girone di ritorno la Sidigas Scandone Avellino non stia brillando è un innegabile dato di fatto, difatti a fronte di sole 3 vittorie sono arrivate ben 6 sconfitte.

Forse è un caso o forse no, che tutte e 3 le vittorie sono state roboanti, quella contro una Fiat Torino, che dato il modo in cui sta giocando non si capisce per quale strano destino abbia vinto le Final Eight di Firenze. Quella contro una The Flexx Pistoia che per onestà va detto che in quel periodo attraversava un pessimo stato di forma. Infine quella una Happy Casa Brindisi che di certo non brilla di continuità.

Veniamo ora alla vera questione della nostra analisi, cioè alle 6 sconfitte subite in questo girone di ritorno, innanzitutto possiamo dividere queste 6 sconfitte in tre, che per comodità chiameremo A, B e C.

A) Sconfitte contro Reggio Emilia e Varese: In entrambe i casi, sia la Grissin Bon Reggio Emilia e sia la Openjobmetis sono state sfidate dalla Sidigas nel loro momento migliore, complessivamente hanno giocato meglio ed hanno meritato di vincere. Applausi alle avversarie.

B) Sconfitte contro Brescia e Cantù: Sia contro la Germani Brescia e sia contro la Red October Cantù una discreta Scandone con alcuni errori ha letteralmente buttato alle ortiche due vittorie. Rammarico.

C) Sconfitte contro Milano e Venezia: Una Scandone con alcuni dei suoi uomini migliori (Leunen e Filloy) fuori forma, regge anzi gioca meglio sia della EA7 Milano e sia dell’Umana Venezia per il primo tempo, poi a causa sia della stanchezza (dovuta ad un roster corto), sia di arbitraggi che hanno palesemente favorito le sue due avversarie, ha perso. Rabbia.

Vogliamo finire questo nostro articolo con una considerazione RichWells Scrubb anche se con le loro rispettive caratteristiche sono tre grandi giocatori, ma tutti e tre possono ricoprire il ruolo di 3; mentre nel ruolo di 4 considerando che tranne qualche molto rara prestazione, Zerini sta disputando una stagione deludente (come ha fatto pure lo scorso anno), Leunen è stato lasciato troppo solo ed ora sta pagando questa decisione.

Pubblicato da Raffaele Ciriello

Nato il 2 maggio 1987 ha conosciuto questo sito giornalistico grazie ad un suo carissimo amico (anche lui collaboratore del sito).

Ama definirsi: "Destista"

Avellino-Bari 1-2, Novellino: “Non mi dimetto, ci salveremo”

Avellino-Bari 1-2, Vajushi: “Sconfitta che brucia”