Serie B, la Procura Federale deferisce per irregolarità Modena e Pescara

Deferite alla Commissione Disciplinare Nazionale il Modena e il Pescara. A renderlo noto una comunicazione ufficiale pubblicata sul sito internet della Figc. Le due squadre del campionato cadetto sono cadute nella sbarra del Procuratore Federale dopo che lo stesso ha ricevuto una segnalazione da parte della Covisoc.

In particolare per il Modena è stato rilevato di “…non aver provveduto, nei termini stabiliti dalla normativa federale, al pagamento degli emolumenti a titolo di premio nei confronti di un tesserato maturati nel corso della stagione 2012/2013 e quindi da corrispondersi con la mensilità di giugno 2013”. La società è stata deferita a titolo di responsabilità diretta e oggettiva.

Mentre la squadra abruzzese, responsabilità diretta, per “…non aver utilizzato il bonifico bancario sul conto corrente indicato in sede di ammissione al campionato di competenza, al fine di effettuare il pagamento degli emolumenti dovuti ad un tesserato per la mensilità di maggio 2013”.

Giocatori Pescara

Il Pescara attraverso l’amministratore delegato Iannascoli ha fatto sapere: “Si tratta esclusivamente di un mero anticipo sullo stipendio del calciatore Quintero (pari a un terzo della sua retribuzione mensile), necessario per le spese di trasloco dall’Italia al Portogallo. Per ragioni di praticità non è stato possibile utilizzare la modalità del bonifico bancario con il conto dedicato, conto con il quale, comunque, è stata saldata la mensilità in questione”.

Il Modena invece si è difeso così: “Nel predisporre i relativi bonifici ha liquidato al calciatore Federico Moretti con 48 ore di ritardo solamente il terzo ed ultimo dei premi previsti per la trentesima gara (importo di euro 10 mila). Tale disguido è stato causato all’atto del calcolo delle presenze utili per il raggiungimento del suddetto premio”.

Leggi anche — > Serie B, Pescara: Sebastiani cede la società a un gruppo russo?

Leggi anche — > Serie B, Palermo ricorso d’urgenza contro la squalifica di Andelkovic

Pubblicato da Nicola Salati

Giornalista professionista dal 2009, ma più che un lavoro per me è una passione visto che ho iniziato a collaborare con i giornali locali a sedici anni e a 18 anni ero già pubblicista. Attualmente collaboro con il quotidiano Metropolis e poi ho iniziato questa nuova avventura che sta dando i frutti sperati...il mio motto? "L'umiltà deve essere sempre al primo posto per chi vuole intraprendere questa professione".

“Avellinesi in Lombardia”: incontro a Bergamo il 15 dicembre

Crotone-Avellino, l’arbitro sarà Ciampi: precedenti e statistiche