Sidigas Avellino-Juventus Utena 85-68, pagelle: D’Ercole straripante

La Scandone batte la Juventus e vola in semifinale

Missione compiuta, d’avanti al pubblico amico, il quale avrebbe dovuto e potuto essere più numeroso, la Sidigas Scandone Avellino domina e batte l’Utena Juventus col punteggio di 85 a 68 in quella che è stata una partita senza storia.

Ora in semifinale la Sidigas dovrà vedersela con i danesi del Bakken Bears.

Ecco le pagelle dei cestisti della Scandone.

Ariel Filloy 6+: Impreciso al tiro dai 3 punti e bravo però ad attaccare il ferro e se la cava in fase difensiva.

Jason Rich 6.5: Autore di un ottimo primo tempo, cala nella ripresa, ma ha il grande merito di non aver forzato azioni personali.

Dezmine Wells 7: Si accende ad intermittenza, ma quando lo fa è davvero fenomenale.

Maarten Leunen 8: Gioca con classe e non sbaglia una scelta, se proprio vogliamo trovare un eventuale neo, forse ha rifiutato alcuni tiri.

Kyrylo Fesenko 7: Gioca meno del solito, ma mostra tutto il suo immenso valore.

Bruno Fitipaldo 8.5: In attacco non spreca palloni ed in difesa se la cava piuttosto bene, ma sopratutto (probabilmente) per la prima volta in stagione, gioca bene come playmaker.

Lorenzo D’Ercole 10: Come un sicario miete vittime e le sue vittime sono le speranze lituane di riavvicinarsi. Oltre a metterci la solita ottima difesa.

Thomas Scrubb 7-: Gioca una buonissima partita su entrambe i lati del parquet.

Andrea Zerini 6.5: Sicuramente non perfetto ma ha il merito di aver giocato una partita attenta ed agonisticamente valida.

Shane Lawal 7.5: Si vede che non è ancora al massimo della forma, ma mostra di essere un giocatore delizioso.

Salvatore Parlato 6: Gioca pochissimo, il tempo di fare un pessimo tiro, ma anche di prendere due ottimi rimbalzi.

Michele Fucci s.v: Impossibile poterlo giudicare.

Pubblicato da Raffaele Ciriello

Nato il 2 maggio 1987 ha conosciuto questo sito giornalistico grazie ad un suo carissimo amico (anche lui collaboratore del sito).

Ama definirsi: "Destista"

Avellino-Utena 85-68, Sacripanti: ora vogliamo la finale

Morto Emiliano Mondonico dopo una lunga malattia