Spezia senza obiettivi, ma occhio a Gilardino e Marilungo…

La squadra ligure è reduce da una goleada contro la Pro Vercelli

Non ha obiettivi lo Spezia, prossimo avversario dell’Avellino al Partenio-Lombardi venerdì sera, ma la squadra biancoverde non dovrà prendere la gara sottogamba, pensando di avere già vinto. La squadra ligure infatti, pur avendo perso le ultime due trasferte (a Pescara per 3-2 e a Foggia per 2-1), nell’ultima partita ha sonoramente battuto la Pro Vercelli per 5-1, e hanno realizzato una doppietta sia Gilardino che Marilungo, prima dell’ultima rete di Awua.

Proprio la coppia d’attacco è l’insidia peggiore per la non certo impeccabile difesa dell’Avellino. Marilungo è il capocannoniere dello Spezia con 10 gol, mentre Gilardino, che in realtà non è mai stato titolare, ne ha messi a segno sei. Sei reti anche per le altre due punte dei liguri, Pablo Granoche e Francesco Forte, con il primo che è uno dei bomber più esperti della categoria (ben 97 le reti per lui).

Per il resto lo Spezia è squadra di buona esperienza, pur con qualche elemento più giovane. Nell’ultima partita, davanti al portiere Manfredini, hanno giocato in difesa De Col e Augello sulle fasce, e Giani e Capelli al centro. A centrocampo, in regia l’esperto Juande, mentre ai lati i più giovani Maggiore (classe 1998) e Pessina (classe 1997). Nelle ultime partite ha trovato spazio come trequartista dietro le due punte Alberto De Francesco, classe 1994.

In avanti, Marilungo e uno tre prima citati, con Granoche che è il secondo attaccante più utilizzato da Gallo (36 le presenze per lui) e che quindi potrebbe tornare dall’inizio, dopo che nell’ultima è partito titolare Gilardino.

Avellino-Spezia, oggi pomeriggio la ripresa per i lupi

Avellino, De Vito: “Dobbiamo pensare solo alla salvezza”