Stefano Pellegrini, morto l’ex attaccante dell’Avellino

Aveva giocato con il lupi nelle stagioni 1973-74 e 1979-80

E’ morto Stefano Pellegrini, ex attaccante dell’Avellino nella stagioni 1973-74 e 1979-80. Pellegrini, classe 1953, è deceduto oggi a Roma all’età di 6. Era nato proprio nella Capitale e nella squadra giallorossa aveva mosso i primi passi nel calcio.

STEFANO PELLEGRINI: L’INIZIO A ROMA

Pellegrini era approdato infatti nel settore giovanile romanista nel 1970 e un anno dopo, il 14 marzo 1971, debuttò in Serie A a soli 17 anni nel derby Roma-Lazio 2-2. Fino al 1977, oltre al titolo di campione d’Italia Primavera, colleziona 56 presenze e 11 reti con la prima squadra.

Dopo tre anni con la Roma, approda all’Avellino per la prima volta nella stagione 1973-74, lo storico primo campionato dei lupi in Serie B, dove disputa 12 presenze con 2 gol. Quindi approda al Barletta nella stagione 1974-75, poi altri due anni alla Roma dal 1975 al 1977 (33 presenze e 5 gol) e un nuovo ritorno in Puglia, questa volta al Bari, dove dal 1977 al 1979 in Serie B mette a segno 16 reti in 53 presenze.

STEFANO PELLEGRINI: IL RITORNO ALL’AVELLINO

Stefano Pellegrini fa ritorno all’Avellino nella stagione 1979-80, la seconda dell’Avellino in Serie A. Stagione che per i lupi fu ottima fino allo scandalo del calcioscommesse, che da marzo in poi fece calare nettamente la squadra irpina, per il coinvolgimento di alcuni suoi tesserati.

Per quanto riguarda Pellegrini, in quella stagione con i lupi mise a segno 3 reti in 12 presenze. L’anno successivo si trasferisce al Pro Cisterna, dove rimane fino al 1984 prima di ritirarsi dal calcio giocato.

Avellino-Pescara 2-2, Novellino: “Grande prestazione di carattere della squadra”

Avellino-Pescara 2-2: buona reazione, ma per salvarsi serve di più