Taccone: “Cabezas ancora non ha permesso di soggiorno”

“Cabezas ancora non ha il permesso di soggiorno, quindi non può firmare.” A spiegarlo è il presidente Taccone durante la conferenza stampa di presentazione dei nuovi acquisti, Wilmots e lo stesso Cabezas. Ecco un riassunto della conferenza stampa di questa mattina.

Parla subito Taccone: “Bryan non ha ancora la maglia con il numero perché ancora non ha avuto il permesso di soggiorno per stare in Italia. E’ stato molto gentile a venire da noi, vuole dimostrare che ci tiene a giocare nell’Avellino, anche se ancora non ha firmato per il motivo che vi ho detto. Non sappiamo i tempi, può essere un giorno come una settimana, vi chiedo di avere pazienza, ma appena sarà risolto questo problema firmerà”.

Quindi parla il procuratore (che fa anche da traduttore) per Cabezas:Ringrazia l’Atalanta e l’Avellino per questa possibilità, è voluto venire qua per parlare con voi e potersi presentare anche se non può ancora firmare”. 

Quindi spiega: “Ha fatto molto bene con l’Ecuador, poi è venuto in Europa. Lo scorso è stato pochissimo all’Atalanta, perché prima è stato impegnato nel campionato Sudamericano Under 20, dove è stato capocannoniere, poi è tornato all’Atalanta dove ha esordito a Roma e poi è dovuto ripartire per la Corea del Sud al mondiale Under 20″.

Prosegue:Realmente all’Atalanta è stato 5 mesi e mezzo su dieci mesi, gli ho spiegato l’importanza della storia dell’Avellino e i calciatori sudamericani che vi hanno giocato ai tempi della Serie A (Diaz, Barbadillo, Juary). Lui è contento di stare qua ed è convinto di fare bene. Nel Panathinaikos ci sono ora gravi problemi economici, altrimenti la società greca lo avrebbe trattenuto”.

Pubblicato da Pietro Freda

Nato negli anni mitici della Serie A..sono da sempre grande tifoso dei lupi, che seguo dal 1995, anno del mio esordio al Partenio in un Avellino-Verona 0-1. Concilio questa passione con la scrittura sul web.

Sidigas Avellino-Zielona Gora: per compiere un passo verso la qualificazione

De Risio: “Avellino punto più alto della mia carriera”